Attività

Sicurezza degli edifici pubblici e rischio sismico "protezione e innovazione"

 

Venerdì 03 marzo 2017

Il Club Lions di Assisi prosegue la propria attività attraverso un meeting su un tema di forte attualità:  Sicurezza degli edifici pubblici e rischio sismico " protezione e innovazione", tenutosi presso la sala conferenze di " Casa Leonori"in S. Maria Degli Angeli.

Ha partecipato come illustre relatore il Prof. Ing. Marco Mezzi docente di Tecnica delle Costruzioni presso il Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale dell'Università degli studi di Perugia, Ing. Gianluca Fagotti officers di Club e Presidente Comitato Distrettuale Sviluppo e Infrastrutture, presente, inoltre, il Sindaco diAssisi Stefania Proietti ed il consigliere comunale Federico Masciolini.

Ha introdotto la giornata la Presidente del Lions la dott.ssa Paola Bastianini che  ha voluto sottolineare la particolare sensibilità del club su temi così importanti che riguardano gli edifici pubblici e sul come garantire la  sicurezza dei cittadini, con particolare attenzione agli edifici scolastici.

La protezione dal terremoto negli edifici passa ormai per l'isolamento sismico, afferma Gianluca Fagotti, e l'Umbria ha già maturato esperienze in tal senso. Il rischio sismico è legato a tre aspetti fondamentali: la pericolosità geologica legata al terreno;  l’esposizione che  riguarda il contenuto degli edifici cioè le persone che utilizzano gli  stessi;  e la vulnerabilità che è la caratteristica entrinseca degli edifici legata alla  tipologia costruttiva degli stessi, all'età di costruzione ed alla conseguente propensione a subire danni in fase sismica, ed è quest’ultimo fattore sul quale possiamo intervenire per ridurre la stessa vulnerabilità attraverso interventi volti a limitare cinematismi di collasso strutturale e di conseguenza distruttivi.

 

Il prof. Marco Mezzi ha voluto innazitutto precisare che : i danni che possono verificarsi durante il terremoto sono sempre danno attesi e che non esiste una antisismicita totale degli edifici; le progettazioni mirano difatto a tutelare le persone che utilizzano gli stessi attraverso l'obiettivo di impedire il collasso strutturale e permettere di liberare gli stessi salvaguardandone la vita, tuttavia questo non significa assenza totale dei danni.

Attraverso immagini esplicative sempre il prof. Mezzi ha riportato uno studio effettuato su un edificio scolastico che, partendo dall’analisi puntuale dello stato attuale e quindi delle caratteristiche geometriche e costruttive anche particolarmente diverse a causa di vari interventi subiti nell’arco di decenni, ha dapprima determinato le criticità e quindi la vulnerabilità dello stesso, intesa come la propensione al danno durante il terremoto; successivamente si è proceduto alla progettazione degli interventi strutturali, realizzati in più periodi in base  alla disponibilità di risorse pubbliche, e che hanno visto opere di incatenamento e solidarizzazione delle varie masse costituenti la struttura, oltre ad altri interventi puntuali.

Tutti interventi mirati ad aumentare la vita residua  dell'edificio, considerando il livelli di vulnerabilità e la probabilità che l'evento sismico si verifichi.

Tuttavia il prof. Mezzi ritene che, avendo disponibilità di risorse economiche, la migliore metodologia per aumentare  la vita di un edificio è quella di  adottare interventi  innovativi di protezione sismica  integrale, attraverso l'inserimento di elementi  che disconnettono l'edificio dal movimento sismico definiti isolatori sismici  elastomerici a livello di fondazione.

LIONS DI ASSISI: NUOVI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE

Venerdì 20 gennaio 2017 presso l’hotel Windsor Savoia di Assisi, nel quadro delle attività Lionistiche della Presidente Laura Bastianini, si è tenuto il meeting del Lions Club di Assisi: “Una epidemia moderna :nuovi disturbi del comportamento   alimentare”, organizzato dall’Officer dott. Francesco Borgognoni, che ha visto la presenza come relatrice della dott.ssa Laura dalla Ragione,  psicologa e psichiatra   responsabile centro DCA palazzo

Francisci di Todi e centro DAI  città della Pieve. 

Questo primo meeting dell’anno 2017 ha voluto affrontare una tematica patologica  particolarmente impegnativa che interessa tante persone ma soprattutto i giovani e, di conseguenza, le famiglie.

L'incidenza dei Disturbi del comportamento alimentare è notevolmente aumentata negli ultimi anni; la maggior parte delle persone identifica l'anoressia nervosa, la bulimia nervosa, il disturbo da alimentazione incontrollata (Binge Eating-BED) e i disturbi dell'alimentazione non altrimenti specificati  come patologie che si verificano per lo più nelle giovani donne. 
Tuttavia, accanto all'età di esordio che si sta ulteriormente abbassando, alimentarsi in modo disordinato è oggi sempre più diffuso nei maschi e in ogni fascia di età, insieme all'insorgenza di nuove entità nosologiche come l'ortoressia e la bigoressia (dismorfia muscolare).
L’ Anoressia Nervosa è un Disturbo dell’Alimentazione caratterizzato da:

Restrizione dell’apporto energetico relativo al bisogno, che induce un significativo basso peso relativamente all’età, sesso, evoluzione dello sviluppo e salute fisica. Un significativo basso peso è definito come un peso minore del minimo normale o, per i bambini e gli adolescenti, minore del minimo atteso.

Intensa paura di aumentare di peso o d’ingrassare, o comportamento persistente che interferisce con l’aumento di peso, nonostante un peso significativamente basso.

Anomalia nel modo in cui è percepito il peso e la forma del proprio corpo; inappropriata influenza del peso e della forma del corpo sulla propria autostima, o persistente perdita della capacità di valutare la gravità della attuale perdita di peso.

Un soggetto anoressico presenta un peso sotto l’85% di quello previsto in base all’età ed alla altezza e/o l’indice di massa corporea inferiore a 17,5.
L'ortoressia nervosa è caratterizzata dall'ossessione patologica per il cibo biologicamente puro, che porta ad importanti restrizioni dietetiche. I pazienti ortoressici escludono dalla loro dieta gli alimenti che ritengono essere impuri in quanto contengono erbicidi, pesticidi o sostanze artificiali e manifestano una eccessiva preoccupazione sui materiali e le tecniche utilizzate per l'elaborazione del cibo.
Questa ossessione porta alla perdita delle relazioni sociali e ad insoddisfazioni affettive che, a loro volta, favoriscono la preoccupazione per il cibo. All'esordio il soggetto desidera migliorare il suo stato di salute, trattare una patologia o perdere peso, alla fine la dieta diventa la parte più importante della sua vita. 
Oltre alla malnutrizione determinata dalla carenza di nutrienti essenziali, il disagio soggettivo e l'isolamento sociale possono comportare conseguenze di rilevanza clinica.

Sviluppare un corpo sano e armonioso attraverso specifici allenamenti ed una corretta alimentazione è senza dubbio una buona prospettiva.
Tuttavia, è emerso che alcuni body builder sono spinti dal bisogno di una figura irraggiungibile; un numero crescente di giovani uomini si sentono insoddisfatti del loro aspetto. La natura di questo malcontento non risiede nel desiderio di un corpo più longilineo, come avviene più spesso nelle donne, bensì in un aspetto più grande e muscoloso.
Tale patologia viene definita bigoressia (o dismorfia muscolare), I pazienti nonostante fossero molto muscolosi, erano convinti di apparire esili e deboli.
Questi soggetti soffrono di disturbi compulsivi che comportano estenuanti ed incontrollati allenamenti in palestra, sprecano quantità eccessive di denaro per integratori inefficaci, si alimentano in modo inadeguato e spesso abusano di sostanze dopanti, rifiutano inviti sociali, evitano situazioni in cui il loro corpo è esposto ad altri, indossano abiti pesanti anche in estate e rifiutano di essere visti in spiaggia. 
La preoccupazione per l'inadeguatezza delle dimensioni del corpo o della muscolatura provoca disagio clinicamente significativo e menomazioni sociali, professionali e della sfera affettiva.

Le terapie adottate si basano principalmente sul togliere l’ossessione del dimagrire, del corpo perfetto, cercando di eliminare quel disturbo di consapevolezza del proprio stato fisico correlata a modificazioni cerebrali, il cervello diventa “cieco” tanto da non percepire l’effettiva fisicità e lo stato di magrezza in cui si versa. La  cura dura circa due anni è  di fatto  basata sulla componente psicologica oltreche organica. Sono patologie dalle quali non si puo guarire da soli ma occorre una seria terapia medica ed una diagnosi precoce.

"La Basilica di San Pietro e i Giubilei"

Venerdì 06 ottobre 2016 si è svolto presso la Sala Stampa Sacro Convento di San Francesco il

Meeting: " la Basilica di San Pietro e i Giubilei" che ha visto relatore il  Dott. Alessandro Conforti, profondo conoscitore della storia della Basilica di San Pietro. All’incontro ha portato i saluti del Sacro Convento Padre Enzo Fortunato.

Il Dott. Conforti ha illustrato la storia della Basilica di S. Pietro, sottolineando l’alto valore spirituale in quanto sorge sulla Tomba del Principe degli Apostoli San Pietro dove sono contenute le sue reliquie,  a partire dalla sua costruzione  avvenuta nel 380 d.c., durata per moltissimi anni e che ha visto vari progettisti susseguirsi nell’intento di dare compimento alla maestosa fabbrica, fra questi Alberti -  Rossellino; Bramante;  Raffaello, Giuliano il Giovane; Michelangiolo; il Cingoli; il Maderno; (cupola di Giacomo della Porta);il Bernini progetta la piazza come un simbolico abbraccio di San Pietro all’umanità tutta, dove la cupola rappresenta la Tiara Papale.

La relazione è proseguita con una sintesi di alcuni Giubilei che hanno visto nella Basilica il centro principale del culto cattolico ed il punto di riferimento per tutti i credenti, luogo privilegiato per l’incontro con Dio, la remissione dei peccati; in quell’anno della riconciliazione, della conversione e della penitenza sacramentale.

Il Giubileo, viene anche detto "Anno Santo", perché inizia, si svolge e si conclude con riti sacri di particoalre solennità, oltreche destinato a promuovere la santità di vita, può essere ordinario e cioè legato a scadenze prestabilite; o straordinario se viene indetto dal Papa in occasioni particolari.

Assisi e l'acquedotto pre-romano del Sanguinone

Sabato 12 novembre c/o la chiesa di Costa di Trex di Assisi,  si è svolto il meeting " il  Sanguinone Acquedotto grandioso e magnifico" organizzato dalla Dott.ssa Paola Bastianini Presidente del Lion Club di Assisi, con la collaborazione dell'Officer ing. Claudio Menichelli.

La serata ha visto la presenza del Sindaco di Assisi Stefania Proietti che, in qualità di autrice di un libro sul tema,  ha  raccontato  ai tanti soci e amici del club la storia di questo acquedotto che ha dato acqua alla città  di Assisi circa duemila anni addietro.

Partiva da Costa di Trex, raccoglieva l'acqua sorgiva dalla roccia carsica del Subasio attraverso i  tre fossi del Sanguinone, raggiungeva Assisi con un percorso ipogeo  di circa sei  km con una pendenza del due per cento. Era conosciuto come l'acquedotto di Frate Elia e arrivava fino alla Basilica di San Francesco, utilizzato per la costruzione della stessa e per le utenze conventuali, inoltre alimentava in epoca romana le  fonte di Perlici, l'anfiteatro romano e la piazza della città. Nel tempo successivo alla costruzione della basilica cessò  il suo utilizzo per la complessità della suo mantenimento e venne sostituito da altri acquedotti.

Completamente interrato, realizzato in pietra con volta alla cappuccina, secondo le regole vitruviane di costruzione  pre romana ma con forti  elementi che richiamano l'architettura etrusca, come se i romani nell'epoca della loro presenza l'avessero trovato e riutilizzato per la purezza delle acque.

Sottolinea Stefania  come in corrispondenza della Rocchicciola esista un castello delle  acque interrato fatto di cisterne multivano che distribuivano acqua alla città, il percorso ipogeo prosegue passando per le ex cave di pietra, segue verso porta San Giacomo e attraverso via Merry del Vall, passa sotto il prato, sotto il piazzale e arriva sotto il portale Gemino della Basilica di San Francesco, proprio sul fronte della stessa.

Il sindaco Stefania nella conclusione  ha voluto dare una motivazione del motivo per cui l'acqua dell'acquedotto arrivasse proprio sotto la soglia dell'ingresso della Basilica, citando gli elementi della simbologia religiosa introdotta da Frate Elia, nominato responsabile della costruzione della basilica, che volle la facciata rivolta ad oriente con i quattro tetramorfi, esseri a guardia del tempio, posti sul rosone di facciata, e l'acqua che entra sotto la soglia del tempio come elemento di purezza.

Inoltre, il sindaco ha voluto lanciare l'idea di inserire i resti visibili di tale acquedotto in un percorso archeologico-paesaggistico anche con l'utilizzo di una app che illustri la storia dello stesso.

 

Da addetto stampa Moreno Massucci

Lions Club di Assisi con la neo Presidente Dott.ssa Paola Bastianini

Giovedì 19 settembre c/o ristorante Villa Elda in S.Maria degli Angeli si è svolta l'Assemblea Ordinaria dei soci del Lions Club di Assisi sotto la guida della neo Presidente Dott.ssa Paola Bastianini.

 

L'organizzazione della serata è stata curata dal Cerimoniere ing. Carlo Brondi e dal  Segretario Dott. Antonello Fagotti.

 

La Presidente Bastianini ha voluto sottolineare  l'importanza del motto "we serve" come spirito di servizio a favore degli ideali del Lionismo, della gente e del territorio, manifestando la più ampia disponibilità a lavorare per mantenere l'alto livello di operosità del nostro club.

 

Ha voluto, inoltre, presentare l'ampio  programma dell'annata lionistica 2016/ 2017 che fra le varie attività prevede per il prossimo venerdì 7 ottobre, presso la Sala Norsa in Assisi,  il meeting sul tema "La Basilica di San Pietro ed i Giubilei" con la relazione del prof. Alessandro Conforti.

 

Sono previsti altri importanti meeting come "il rapporto con il cibo, abitudini o disturbi alimentari?"; "Pro e contro gli alimenti transgenici e qualità del cibo"; " Prevenzione e garanzie degli edifici pubblici in zona sismica"; "Sistemazione Rocchicciola sensibilizzare le istituzioni per la valorizzazione anche dei monumenti minori"; " La riforma del terzo settore, sussidiarietà orizzontale: Stato, mercato, volontariato"; " Le  aziende etiche: quale possibile sviluppo?"; " Dal segreto d'ufficio alla trasparenza: come è cambiata la Pubblica Amministrazione"; " Cosa vuol dire oggi essere Lions senso di appartenenza, etica e difficoltà di mettere in pratica i giusti principi".

 

Il tesoriere del Club Dott. Paolo Scilipoti ha presentato per l'approvazione  il bilancio consuntivo dell'annata lionistica  2015/2016.

A conclusione della serata la  presidente ha invitato tutti i soci a partecipare alla consegna del cane guida per non vedenti a cura del Lions  Italiano presso Città di Castello il giorno 28 settembre.  

 

Sempre il giorno di mercoledì 28 settembre si terrà presso l'Istituto Serafico di Assisi, grazie alla disponibilità  della Presidente Avv. Francesca Di Maolo e del  Dirigente Scolastico Prof. Giovanfrancesco Sculco, nel quadro della giornata mondiale della vista, la visita oculistica gratuita rivolta agli studenti delle  scuola elementare del Comune di Bastia.

 

Da Moreno Massucci

Addetto stampa Lions club Assisi