Comunicato stampa 15 febbraio 2016

  • Stampa

Donazione di midollo osseo ne parlano i Club Lions della zona 9D

Assisi, Gualdo Tadino Nocera Umbra, Foligno e Spoleto

 

Venerdi 12 febbraio u.s. si è svolto, presso il centro congressi di “Casa Leonori” in S. Maria Degli Angeli, l’intermeeting su un tema particolarmente importante : “Diventa Donatore di Midollo Osseo, Diventa un Eroe Sconosciuto”. La giornata è stata organizzata dai Club Lions di Assisi, Foligno, Gualdo-Nocera e Spoleto, l’articolato argomento è stato declinato da illustri relatori come  il dott.ssa Olivia Minelli,responsabile aferesi terapeutica -programma trapianto Azienda Ospedaliera di Perugia; il dott. Carlo Maccari Docente di Teologia Morale presso Istituto Teologico di Assisi; moderati dal dott. Alfredo Villa Dirigente medico presso servizio di Patologia Clinica Ematologica Azienda Ospedaliera di Perugia.

Hanno partecipato all’importante giornata, oltre ai tanti soci sia di Assisi che provenienti da Foligno da Gualdo Nocera e da Spoleto; il  Sindaco di Assisi Antonio Lunghi, che ha sottolineato l’importanza del servizio alla comunità svolto dai Club Lions nei vari momenti della loro attività;  il  Presidente di Zona dott. Andrea Petterini, l'avv. Luigina Matteucci presidente IX Circoscrizione, il Responsabile del service nazionale dott.Mauro Carragoni e il Presidente dell'Aido Vittorio Pulcinelli.

La dott.ssa Minelli ha tenuto ad evidenziare il modello organizzativo della Regione Umbria nel quadro della donazione del midollo, sia con finalità di promozione che di informazione con l'obbiettivo dell'incremento di donatori; sia con finalità volte all'attenzione al paziente e alla preparazione del personale medico, per affrontare la complessa procedura terapeutica attraverso la quale avviene la sostituzione delle cellule staminali malati del paziente con altre cellule sane, che richiede una attenta analisi delle condizioni mediche del donatore è una approfondita verifica delle condizioni di compatibilità.

Si diventa donatori attraverso il prelievo di midollo e analisi di fattibilità, possono donare persone in età dai 18 ai 55 anni in buona salute, una volta donato il midollo si rigenera nel giro di qualche giorno, il donatore viene seguito  anche dopo la donazione dal servizio sanitario per le verifiche del caso. Si  può donare solo una volta nella vita.

Il dott. Carlo Maccari, divento di Teologia morale, ha ricordato il valore del dono come valore ed esigenza etica,  che diventa tale attraverso la donazione libera e consapevole. La chiesa sulla donazione degli organi fino agli anni 50 era refrattaria, per motivi anche teologici legati all'ancestrale paura legata alla morte e risurrezione con un corpo mutilato con Pio XII si ha una apertura al trapiantato degli organi attraverso la declinazione del  principio di totalità applicato alla persona in quanto Il "bene" di una parte della persona è in vista del bene totale antropologico dell'uomo; San Giovanni Paolo II nell'Evagelium Vitae ha, successivamente, ribadito come donare un organo è un gesto di profondo amore, di forte solidarietà verso gli altri.

Il Presidente del Club di Assisi dott. Massimo Paggi ha ringraziato i relatori per la particolarità e approfondita  trattazione del tema, sottolineando l'importanza dell'informazione  come momento di riflessione, necessaria per arrivare a decidere con consapevolezza di compiere un gesto di così grande amore verso il prossimo come quello di diventare donatori in generale e  del midollo osseo in particolare.